Loading icon Loading

2 min read

L’acciaieria ucraina Zaporizhstal, parzialmente di proprietà di Metinvest, ha avviato la produzione di un nuovo tipo di coils laminati a caldo per i clienti polacchi. Secondo quanto riportato dai media ucraini, i clienti polacchi hanno ordinato HRC del peso di almeno 9 tonnellate ciascuno.

In precedenza, per soddisfare un ordine di questo tipo, venivano saldati insieme due coils. Grazie alle nuove linee di produzione, questa operazione non è più necessaria e consente di risparmiare sull’imballaggio e sul trasporto.

L’azienda sta quindi cercando di capitalizzare la domanda polacca di HRC, la cui offerta è stata interrotta dalla produzione ucraina molto ridotta e dal divieto dell’UE sull’acciaio russo.

Russia, Ucraina e Bielorussia insieme hanno rappresentato il 25% delle importazioni complessive di acciaio polacco nel 2021, il che significa che la guerra in Ucraina ha costretto gli acquirenti a cercare fornitori alternativi.

Ad aprile Zaporizhstal ha prodotto meno acciaio rispetto all’anno precedente e la produzione annuale è diminuita di conseguenza. L’impianto ha prodotto solo 68.900 tonnellate di ghisa, con un calo dell’81% rispetto all’anno precedente, 73.600 tonnellate di acciaio grezzo, con un calo del 78%, e 65.700 tonnellate di prodotti finiti, con un calo del 76,7%.

La produzione di ghisa di gennaio-aprile è diminuita del 45,1% rispetto all’anno precedente, attestandosi a 830.200 tonnellate, quella di acciaio grezzo del 45,8%, attestandosi a 721.000 tonnellate, e quella di prodotti finiti del 44,1%, attestandosi a 630.100 tonnellate.

Alla fine di marzo, l’acciaieria ha ripreso parzialmente la produzione delle sue operazioni (leggi qui l’articolo) per la successiva spedizione del prodotto al mercato europeo. All’inizio di aprile sono stati avviati gli altiforni n. 3 e n. 4. Di conseguenza, il mese di aprile ha visto Zaporizhstal lavorare a circa il 50% di utilizzo della capacità.

Metinvest ha sospeso tutta la produzione dell’acciaieria il 2 marzo a causa dell’intensificarsi dei combattimenti in seguito all’invasione russa, mettendo offline uso il suo impianto di coke di Zaporizhya, Zaporizhkoks.

L’anno scorso, Zaporizhstal ha prodotto 4,5 milioni di tonnellate di ghisa, 3,8 milioni di tonnellate di greggio e 3,2 milioni di tonnellate di acciaio finito, con una produzione pressoché stabile rispetto all’anno precedente.