La società mineraria e siderurgica ucraina Metinvest ha riferito oggi che sta riprendendo in parte le operazioni presso l’acciaieria Zaporizhstal, la JV del gruppo dove detiene il 49,99% delle quote e mira a raggiungere 150.000 tonnellate di produzione il mese prossimo.

Il produttore di coils Zaporizhstal nella città di Zaporizhia, nel sud dell’Ucraina, messo in “cura e manutenzione” all’inizio di marzo, poco dopo l’invasione russa dell’Ucraina, sta facendo funzionare due dei suoi quattro altiforni n. 3 e 4 e ha parzialmente riavviato l’impianto di sinterizzazione. La società si attende il primo prodotto entro la fine di questa settimana.

Questo mese, l’acciaieria riavvierà uno dei suoi due forni per la produzione di acciaio, il forno a doppia fiamma. In aprile, l’acciaieria punta ad almeno 20.000-30.000 tonnellate di produzione di acciaio grezzo, con l’obiettivo di aumentare la produzione a 150.000 tonnellate in maggio, quando saranno in funzione entrambi i forni.

Zaporizhstal mira a iniziare a laminare quasi immediatamente dopo aver ottenuto il primo acciaio, e prevede che la maggior parte delle sue vendite iniziali siano fatte in patria.

Potrebbe vendere una buona quantità in Ucraina a livello nazionale, dato che anche alcuni utenti finali, tra cui i produttori di sezioni formate e di tubi saldati, stanno riavviando le operazioni.

In più la società non considera più l’area CSI, soprattutto Russia e Bielorussia, come aree l’acciaio potrà essere venduto in futuro. L’azienda era solita distribuire fino a circa 1 milione di mt/anno nella CSI/Unione economica eurasiatica.

Nel 2021, Zaporizhstal ha prodotto 4,4 milioni di tonnellate di metallo, 3,9 milioni di tonnellate di acciaio grezzo convertite in 3,3 milioni di tonnellate di prodotti laminati.

Il conflitto, i fermi forzati di Azovstal e Ilyich Steel, con sede a Mariupol, hanno ridotto la presenza dell’acciaieria sul mercato mondiale dell’acciaio da oltre 11 milioni di tonnellate all’anno a 2,5 milioni di tonnellate all’anno fornite dal produttore di billette e laminati lunghi Kamet Steel a Kamianske, nella regione ucraina di Dnipropetrovsk, e dai laminatoi della società fuori dall’Ucraina – in Bulgaria, Italia e Regno Unito.

Per sostenere la produzione di acciaio a Kamianske, Metinvest si affida al coke fatto con carbone di provenienza nazionale dalle proprie miniere. L’azienda non sta attualmente spedendo carbone da coke dalla sua miniera statunitense pienamente operativa e sta vendendo la sua produzione sul mercato aperto.

Il concentrato di minerale di ferro e i pellet continuano ad essere i principali prodotti di esportazione di Metinvest venduti a terzi nelle circostanze attuali. L’azienda è limitata a circa 1 milione di tonnellate al mese che può spedire fuori dall’Ucraina. L’intero volume va all’UE per ferrovia.

Per consegnare il minerale di ferro attraverso il confine, Metinvest deve o caricare il carico su diversi vagoni ferroviari, o cambiare i carrelli nelle stazioni di confine a causa delle differenze di spessore dei binari tra l’Ucraina e i vicini paesi dell’Europa centrale.

Inoltre, le ferrovie ucraine e i valichi di frontiera sono molto congestionati in questi giorni, perché la maggior parte degli speditori, compresi i coltivatori di grano e di mais, usano le stesse linee ferroviarie, perché come noi non possono più esportare via mare. L’infrastruttura ferroviaria non è stata progettata per sopportare un traffico così intenso.