Loading icon Loading

In Cina le cose possono sembrare migliori di quanto non siano, almeno per quanto riguarda i mercati dei metalli e dei minerali del Paese. Tuttavia, la Cina rimane ancora la destinazione principale per le forniture europee di acciaio e alluminio.

Le fabbriche europee sensibili dal punto di vista energetico e le fonderie di alluminio rimangono bloccate a causa della guerra russo-ucraina in corso. Le forniture di gas ed elettricità dell’Europa occidentale stanno subendo il peso delle ritorsioni economiche.

Le restrizioni e i problemi di approvvigionamento aumentando i dubbi sulla sostenibilità delle forniture nel prossimo futuro. Alcune fonderie stanno attivamente parlando di interrompere del tutto la produzione.

Ad aggravare il problema, la Cina, uno dei maggiori consumatori di acciaio, coke e alluminio al mondo, ha ridotto le importazioni, anche di alluminio. In linea con la tendenza di luglio, le importazioni cinesi di alluminio hanno continuato a diminuire in agosto. Secondo i dati resi disponibili dal Dipartimento delle Dogane, le importazioni di alluminio in Cina ad agosto sono calate del 19% rispetto all’anno precedente. Secondo gli esperti, ciò riflette una minore propensione all’importazione in presenza di una produzione interna da record e di un’offerta estera limitata.

L’Amministrazione Generale delle Dogane afferma che la Cina ha importato 200.440 tonnellate di alluminio grezzo e prodotti nel mese di agosto. Questa cifra comprende anche il metallo primario e l’alluminio grezzo legato. D’altra parte, il Paese, che è sia il più grande produttore che il più grande consumatore al mondo di questo metallo, ha prodotto 3,51 milioni di tonnellate, che rappresentano un nuovo record.

Il principale produttore slovacco di alluminio, Slovalco, di proprietà della norvegese Norsk-Hydro, è sul punto di interrompere la produzione entro la fine di settembre. Lo scorso fine settimana, Aldel, l’unico produttore primario di alluminio dei Paesi Bassi, ha dichiarato di avere in programma una mossa simile. Già lo scorso dicembre, il più grande produttore di alluminio dell’Europa orientale, la rumena Alro Slatina, aveva annunciato la chiusura di tre delle cinque linee di produzione.

L’alluminio ha una grande importanza strategica per l’Europa. Dopo tutto, questo metallo leggero ma resistente viene utilizzato per qualsiasi cosa, dalle automobili agli imballaggi, dai medicinali all’energia verde. I produttori europei guardano ora attivamente alla Cina per il loro fabbisogno di alluminio, anche se le forniture del Paese sono di qualità leggermente inferiore. In un contesto di peggioramento della crisi energetica, la Cina rimane una delle uniche opzioni.

Questa situazione continua ad avere un forte impatto sui prezzi dell’alluminio. Alla London Metal Exchange, i prezzi sono scesi ai minimi dell’aprile 2021, ora a quota 2.205 dollari/ton (09:36 GMT+2). Si tratta di un calo notevole, se si considera che nel marzo di quest’anno hanno toccato un picco di 4.072 dollari/ton.

Anche i blocchi della Cina legati al COVID-19 e le ondate di calore hanno influito sulla domanda. Secondo una stima, nel secondo trimestre del 2022 la domanda complessiva si è contratta del 5,9% su base annua, a fronte di una crescita della produzione del 3,9%. Recentemente, anche le ondate di calore senza precedenti che hanno colpito diverse province hanno dato un colpo alla domanda. Insieme a impreviste carenze di energia elettrica, questi fattori sono diventati un grosso ostacolo per la produzione di alluminio.

Attualmente, molti sperano ancora che l’ultima serie di misure di stimolo fiscale del Paese, volte a rilanciare l’economia, dia alla fine i suoi frutti.