Loading icon Loading

Nel terzo trimestre il mercato globale dell’allumina continuerà a fare i conti con le perturbazioni dei flussi commerciali causate dalla guerra tra Russia e Ucraina e da un’eccedenza di offerta australiana, con il riavvio di raffinerie e fonderie e i rischi di decurtazione nel bacino atlantico ad aumentare la volatilità.

Si prevede che nel terzo trimestre gli acquirenti cinesi rimarranno in disparte, con le importazioni australiane che continueranno ad avere un prezzo significativamente più alto rispetto all’offerta nazionale, mentre le esportazioni cinesi di allumina dovrebbero rimanere elevate a causa della domanda russa senza precedenti, in quanto la Cina si posiziona come un’alternativa chiave all’allumina australiana.

Nel bacino atlantico, i riavvii delle raffinerie e le riduzioni degli smelter dovrebbero dominare i prezzi nel terzo trimestre, con gli operatori di mercato che prevedono in generale un alleggerimento dei premi, a meno di gravi interruzioni delle operazioni di raffinazione.

L’allumina FOB Australia di riferimento è stata valutata a 367 dollari/tonnellata FOB il 30 giugno, con un differenziale di allumina FOB Brasile con un premio di 32 dollari/tonnellata rispetto al materiale australiano. La valutazione giornaliera dell’allumina China ex-works Shanxi è rimasta stabile per la maggior parte di giugno e ha chiuso il trimestre a 2.870 yuan/ton.

La valutazione FOB dell’allumina australiana è salita all’inizio dell’anno a livelli mai visti dopo le sanzioni statunitensi contro il gigante russo dell’alluminio Rusal e i tagli alla produzione della raffineria brasiliana Alunorte nel 2018. La valutazione FOB dell’Australia occidentale ha raggiunto un picco di 533 dollari/ton nel 1° trimestre, superando il massimo di 484 dollari/ton del 4° trimestre 2021.

Tuttavia, il divieto imposto dall’Australia il 20 marzo sulle esportazioni di allumina e bauxite verso la Russia ha provocato un immediato eccesso di offerta a livello mondiale, con un crollo dei prezzi di quasi un terzo in un mese, fino a 371 dollari/ton FOB il 20 aprile. I 353 dollari/ton FOB raggiunti il 6 giugno hanno segnato il minimo del trimestre, ma sono rimasti leggermente al di sopra del minimo annuale di 345 dollari/ton FOB del 7 gennaio.

Anche i prezzi interni cinesi sono scesi nel secondo trimestre a causa della nuova capacità di raffinazione e del calo dei prezzi via mare, ma in modo meno marcato, poiché gli alti costi di produzione e il riavvio delle fonderie hanno arginato il calo.

Sulla scia dell’annuncio del divieto di esportazione da parte dell’Australia, i venditori si sono affrettati a scaricare i carichi destinati alla Russia verso altri acquirenti, facendo scendere i prezzi.

Anche se il ritmo del declino è rallentato dopo che i prezzi hanno superato i 400 $/ton FOB, gli operatori di mercato continuano a prevedere che l’eccedenza ex-Russia limiterà i prezzi australiani nel terzo trimestre, a meno che non si verifichino tagli significativi alle raffinerie a causa degli alti prezzi dell’energia o un cambiamento nella politica di esportazione dell’Australia.

Tuttavia, gli acquirenti cinesi restano fuori dal mercato nonostante l’eccesso di offerta a causa dell’elevato premio del materiale australiano rispetto all’allumina nazionale.

Il premio implicito ha superato i 200 dollari/tonnellata a marzo, prima di ridursi dopo l’annuncio del divieto di esportazione, ma è rimasto proibitivo a circa 60 dollari/tonnellata a fine giugno.

Con la chiusura della sua pipeline di approvvigionamento di allumina dall’Australia e dall’Ucraina, nel secondo trimestre la Russia è andata a caccia di forniture alternative in Asia.

Il Sud-Est asiatico ha colmato parte del suo vuoto di approvvigionamento, ma l’espansione della capacità di raffinazione della Cina e la sua vicinanza ai porti dell’Estremo Oriente russo le hanno permesso di diventare rapidamente il principale fornitore della Russia.

Le esportazioni di allumina della Cina sono aumentate di oltre 18 volte rispetto all’anno, raggiungendo le 167.724 tonnellate ad aprile e diventando un esportatore netto per la prima volta da febbraio 2019. Le esportazioni sono salite ulteriormente a 188.768 tonnellate a maggio, con oltre l’80% destinato alla Russia.

A fine giugno la Russia acquistava allumina cinese a circa 3.000 yuan/ton dai porti del nord. Mentre i prezzi denominati in yuan sono rimasti sostanzialmente stabili durante il secondo trimestre, il deprezzamento dello yuan da fine aprile ha fatto sì che le esportazioni diventassero più convenienti su base dollaro.

L’allumina proveniente dalla provincia settentrionale dello Shandong ha costituito la maggior parte delle esportazioni verso la Russia, grazie alla vicinanza delle raffinerie ai porti costieri e all’utilizzo di bauxite guineana importata.

Fonti cinesi hanno dichiarato che il mercato monitorerà i costi di raffinazione e i prezzi delle materie prime nel terzo trimestre, poiché l’aumento dei prezzi di bauxite, soda caustica e carbone potrebbe spingere le raffinerie a ridurre la produzione.

Il rischio principale per le forniture russe dalla Cina è che le raffinerie ad alto costo siano costrette a ridurre la produzione a causa dell’aumento dei costi di produzione. Le raffinerie potrebbero dover mantenere i rapporti di lunga data con i clienti esistenti e dare loro la priorità, anche se la Russia è in grado di pagare leggermente di più.

Ciononostante, gli operatori del mercato globale si aspettano che la Cina continui a rifornire la Russia, che fornisce un flusso di reddito costante in un contesto di prospettive macroeconomiche poco chiare.

Dopo le riduzioni degli smelter in Europa dalla fine del 2021, gli smelter di alluminio negli Stati Uniti sono diventati le nuove vittime dell’impennata dei prezzi dell’energia dovuta al conflitto in Ucraina.

Alcoa ha interrotto una delle tre linee di produzione della fonderia di alluminio di Warrick, nell’Indiana, il 1° luglio “a causa di problemi operativi”, mettendo fuori linea 54.000 tonnellate all’anno di produzione.

A giugno, la Century Aluminum, con sede a Chicago, ha dichiarato che avrebbe sospeso le attività della sua fonderia di Hawesville, nel Kentucky, per un massimo di un anno a causa dell’aumento del costo dell’energia. All’epoca lo smelter operava all’80% della sua capacità di 250.000 tonnellate all’anno.

La tempistica delle riduzioni dello smelter coincide con il riavvio della raffineria Jamalco in Giamaica, che aveva interrotto le operazioni a causa di un grave incendio nell’agosto 2021.

Jamalco, una joint venture 55:45 tra Noble Group e Clarendon Alumina Production con una capacità produttiva di 1,417 milioni di tonnellate all’anno, esporta solitamente gran parte della sua produzione in Europa, dove l’allumina giamaicana è esente da dazi.

Questo potrebbe avere un doppio effetto sul complesso domanda-offerta di allumina, soprattutto nel bacino atlantico, poiché l’offerta sta aumentando mentre la domanda sta diminuendo. Eventuali ulteriori riduzioni delle fonderie nell’Atlantico potrebbero far salire i premi regionali, ma anche diminuire il sostegno al differenziale di allumina brasiliana verso il bacino del Pacifico, poiché la domanda si ridurrebbe a causa della riduzione dell’attività di fusione.

Sebbene le riduzioni delle fonderie siano state al centro dell’attenzione dalla fine del 2021, alcuni operatori di mercato hanno affermato che gli elevati costi di produzione potrebbero creare rischi per le operazioni di raffinazione nell’Atlantico, soprattutto in alcune parti dell’Europa.

La raffineria di San Ciprian, in Spagna, potrebbe dover affrontare costi di raffinazione elevati e non è sicuro che sia sostenibile con questi prezzi dell’energia. Lo smelter di San Ciprian dell’Alcoa ha interrotto le operazioni a dicembre a causa degli alti costi dell’energia.