Loading icon Loading

La Cina ha prodotto un record di 3,42 milioni di tonnellate di alluminio primario a maggio, mentre le fonderie del paese continuano ad aumentare i ritmi di produzione.

Secondo l’International Aluminium Institute (IAI), la produzione annua del Paese è aumentata di 3,66 milioni di tonnellate nei primi cinque mesi dell’anno, culminando il mese scorso con il più alto tasso operativo di 40,27 milioni di tonnellate.

Le fonderie cinesi stanno risorgendo grazie all’allentamento della crisi energetica che ha limitato la produzione per gran parte dello scorso anno.

Quest’anno sono le fonderie europee a dover affrontare una crisi energetica a causa dell’impennata dei prezzi dell’elettricità sulla scia dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

I problemi energetici dell’Europa hanno trascinato la produzione annua al di fuori della Cina di 460.000 tonnellate quest’anno.

La quota della Cina sulla produzione globale è stata del 58,91% a maggio, un rapporto che è stato superato solo una volta nel giugno 2017, un indicatore storico che potrebbe essere inaffidabile data la mancanza di dati coerenti cinque anni fa.

n questo periodo dell’anno scorso erano gli operatori cinesi ad essere in difficoltà con le forniture energetiche per le loro fonderie affamate di energia.

La siccità nella provincia dello Yunnan, ricca di risorse idriche, unita a un’applicazione troppo zelante degli obiettivi di efficienza energetica, ha fatto crollare la produzione nazionale di alluminio di oltre due milioni di tonnellate annue nel 2021.

Questi obiettivi sono stati allentati e la Cina ha incrementato la produzione di carbone per attenuare la crisi energetica dello scorso anno.

Il miglioramento dei prezzi dell’energia elettrica e la forza dei prezzi dell’alluminio hanno generato un prevedibile rimbalzo dei tassi di produzione cinesi, che dopo la pausa dello scorso anno si stanno nuovamente avvicinando al limite di capacità di Pechino di 45 milioni di tonnellate all’anno.

L’inversione di tendenza nelle sorti delle fonderie cinesi è evidente dal commercio di metallo grezzo del Paese. Le importazioni hanno registrato un boom nel 2021, poiché la produzione nazionale non è riuscita a soddisfare la domanda di primo utilizzo da parte dei produttori. Le spedizioni di metallo primario in entrata hanno raggiunto la cifra record di 1,58 milioni di tonnellate.

Quest’anno, tuttavia, la Cina ha esportato metallo grezzo nonostante il pesante dazio del 15% sulle esportazioni di alluminio. Gran parte di ciò che lascia la Cina è diretto verso l’Europa, che ora sta vivendo il proprio tracollo dell’alluminio, determinato dall’energia.

I prezzi dell’energia elettrica in Europa si stavano già dirigendo verso nord prima che la Russia lanciasse la sua “operazione militare speciale” in Ucraina.

Il conseguente restringimento delle forniture di gas all’Europa ha causato un’impennata dei prezzi dell’energia elettrica del 400% nell’ultimo anno, un problema non da poco per i produttori di alluminio, visto che l’energia rappresenta circa il 40% dei loro costi di fusione.

L’associazione europea dell’alluminio sostiene che circa 900.000 tonnellate di capacità annua hanno subito un impatto sotto forma di riduzioni o fluttuazioni dei tassi operativi.

Secondo lo IAI, la produzione annua in Europa occidentale è diminuita di circa 500.000 tonnellate nell’ultimo anno. Il tasso di produzione di maggio, pari a 2,96 milioni di tonnellate, è stato il più basso di questo secolo.

La crisi energetica sta colpendo soprattutto le fonderie di Germania, Francia e Paesi Bassi, mentre quelle di Norvegia e Islanda sono state ammortizzate dall’accesso all’energia idroelettrica e geotermica. La capacità produttiva di entrambi i Paesi è aumentata progressivamente nel corso dell’ultimo anno, il che probabilmente nasconde la perdita di produzione totale registrata altrove nei dati dello IAI sull’Europa occidentale.

Anche la produzione di alluminio dell’Europa orientale è in calo. La produzione cumulativa è diminuita dell’1,5% su base annua nei primi cinque mesi dell’anno, a causa delle riduzioni in Romania, Montenegro e Repubblica Slovacca.

L’ultimo aggiornamento mensile dello IAI non mostra alcun segno di calo della produzione della russa Rusal, nonostante le sanzioni abbiano interrotto il flusso di materie prime verso le fonderie siberiane dell’azienda.

Anzi, è possibile che l’avvio del nuovo impianto di Taishet stia compensando le riduzioni nel resto dell’Europa orientale.

Non essendo in vista la fine dell’attuale crisi energetica, la produzione europea potrebbe essere minacciata nei prossimi mesi.

Si stima che altre 800.000 tonnellate di capacità degli smelter europei siano a rischio, a meno che i prezzi dell’energia non scendano, cosa che al momento sembra improbabile.

L’alluminio non si produce gettando la bauxite in un altoforno. Piuttosto, la bauxite deve essere raffinata in allumina, che viene poi trasformata in metallo tramite elettrolisi.

L’alluminio è per molti versi elettricità in forma solida, ed è per questo che le fonderie sono così sensibili ai prezzi dell’energia.

Questo è un problema per la produzione di alluminio ovunque, con le fonderie in competizione con altre industrie per l’energia, in particolare da fonti rinnovabili, nel tentativo di produrre un metallo sempre più “verde”.

L’aumento esponenziale dei prezzi dell’energia elettrica in Europa dopo l’invasione ucraina rappresenta una minaccia esistenziale per molti operatori della regione.

La necessità di importare un metallo che è un fattore chiave per la decarbonizzazione da un Paese in cui il carbone è ancora la fonte primaria di energia per la produzione di alluminio è altamente problematica per l’Unione Europea.

Non solo in termini di impronta di carbonio, ma anche nel contesto dell’impegno del blocco per quella che definisce “autonomia strategica” nelle sue catene di approvvigionamento di minerali.

Le fonderie cinesi stanno attualmente godendo di margini positivi grazie alla combinazione di un prezzo del metallo più alto e di costi energetici più bassi, dovuti al ritorno del governo sugli obiettivi di utilizzo del carbone.

Nonostante la corsa al carbone, ci sono segnali di stress in alcune parti del sistema energetico cinese.

Il consumo di energia elettrica è aumentato nelle province cinesi a nord del fiume Yangtze a causa del clima più caldo del normale, tanto che nel fine settimana lo Henan ha stabilito un nuovo record di carico massimo della domanda.

La tensione sulla rete elettrica è destinata a diventare più acuta quando la Cina uscirà timidamente dal blocco del coronavirus e ricomincerà ad aumentare l’attività produttiva.

Se l’estate cinese sarà lunga e calda, l’energia sarà destinata in via prioritaria al raffreddamento delle abitazioni, mentre i grandi utenti industriali dovranno fare i conti con il razionamento.

Il pendolo dell’energia dell’alluminio può essere tornato in Cina dal resto del mondo, ma non è detto che vi rimanga a lungo.