I prezzi dello stagno sono balzati ad un livello record venerdì, mentre le scorte nei magazzini sono diminuite e i problemi di approvvigionamento sono persistiti.

Lo stagno di riferimento al London Metal Exchange è salito ad un record di 36.770 dollari la tonnellata, e nel primo pomeriggio era scambiato al 2,4% in più a 36.310 dollari.

I prezzi del metallo sono stati alimentati dalle interruzioni di fornitura nei principali paesi produttori e dal boom della domanda per l’elettronica, dove il metallo è utilizzato per le saldature per collegare i componenti. Una combinazione di problemi di fornitura e una ripresa della domanda significa che le scorte sono molto basse.

Il deficit del mercato globale dello stagno dovrebbe salire a 12.700 tonnellate nel 2022 dalle 10.200 tonnellate di quest’anno. Il primo produttore malese Malaysia Smelting Corporation è stato colpito da una combinazione di problemi alle attrezzature e controlli di covid-19 che sono culminati nella dichiarazione di forza maggiore dello smelter a giugno.

È un buon momento, specialmente per i produttori e il problema di produzione della MSC, il terzo produttore di stagno raffinato al mondo, è stato un fattore importante quest’anno.

I prezzi possono salire ancora in base alla domanda e all’offerta, anche se un aumento dei tassi da parte della Federal Reserve statunitense probabilmente sopprimerà il rally.


Apri la chat