Loading icon Loading

3 min read

Sono passati 50 anni da quando l’Australia ha stabilito per la prima volta relazioni diplomatiche con la Cina. Ma rispetto al relativo entusiasmo dei primi anni, le relazioni moderne tra le due nazioni sono in una fase di profondo gelo. Certo, la richiesta da parte dell’Australia di un’inchiesta internazionale sulle origini dell’epidemia di coronavirus non ha aiutato la situazione. Anzi, ha portato la Cina a imporre sanzioni sulle esportazioni australiane, come il carbon  coke e il minerale di ferro.

Tuttavia, negli ultimi giorni, le cose hanno iniziato a cambiare. Per cominciare, il ministro degli Esteri cinese, Wang Yi, ha ammesso a una delegazione australiana in visita che le relazioni Cina-Australia hanno incontrato difficoltà e battute d’arresto. Ha anche riferito al consiglio, guidato dal ministro degli Esteri Penny Wong, che questo rappresenta un’opportunità per imparare alcune lezioni preziose. In effetti, l’occasione segnava il 50° anniversario delle relazioni bilaterali tra le due nazioni. Con tanta positività emersa dall’incontro, molti esperti di commercio hanno iniziato a ipotizzare un potenziale disgelo nelle relazioni.

Wang ha comunicato al suo omologo australiano che i loro Paesi non hanno “conflitti di interesse fondamentali”. Ha inoltre suggerito di sfruttare il 50° anniversario per riorganizzarsi e ripartire. Gli esperti sperano ora che questo possa dare il via a una nuova era di scambi commerciali, dando impulso al minerale di ferro e ad altri settori minerari, nonché a nuove industrie energetiche.

Prima delle sanzioni, il commercio australiano con la Cina aveva un valore di 280 miliardi di dollari. La maggior parte delle transazioni consisteva in minerale di ferro, carbon coke e gas naturale liquefatto (GNL). In effetti, oltre il 60% del fabbisogno cinese di minerale di ferro era di origine australiana. Anche nel 2021, quando le relazioni erano al limite, i dati doganali cinesi mostravano che il Paese aveva importato 694 milioni di tonnellate di minerale di ferro dall’Australia. In definitiva, questa cifra rappresentava circa il 62% delle importazioni totali.

Con l’inasprirsi delle relazioni, entrambi i Paesi hanno cercato di trovare altri mercati per le loro importazioni ed esportazioni. L’Australia, ad esempio, ha iniziato a guardare all’India e al Giappone per colmare il vuoto lasciato dal calo degli scambi con la Cina. Tra aprile e ottobre di quest’anno, infatti, le importazioni indiane di beni australiani, tra cui carbone, alluminio e rame, sono salite a 12,3 miliardi di dollari. Ciò rappresenta un aumento del 48% rispetto a un anno fa. L’India è stata anche il secondo mercato australiano per le esportazioni di carbone nel 2020-21.

Oggi la Cina colpita dal COVID si trova sempre più isolata, non solo dagli Stati Uniti, ma anche dalla maggior parte del mondo. Di conseguenza, i suoi politici hanno deciso prudentemente di tornare a uno dei loro più vecchi alleati: L’Australia. La speranza è che il Paese possa recuperare le forniture di elementi vitali come il minerale di ferro e il carbon coke.

In previsione della rimozione delle sanzioni commerciali cinesi, i futures sul carbon coke cinese sono scesi. In effetti, gli operatori ritenevano che l’offerta di materie prime per la produzione di acciaio sarebbe presto aumentata. I cinesi ritengono inoltre che una piena ripresa degli scambi significherebbe la liberazione del carbone australiano, che trasformerebbe l’attuale carenza della Cina in un’eccedenza.

Sebbene la Cina abbia compiuto il primo passo verso la normalizzazione degli scambi commerciali tra i due Paesi, molto dipende ancora dall’Australia. Ciò è particolarmente vero alla luce delle crescenti relazioni strategiche di quest’ultima con gli Stati Uniti e altri Paesi vicini. Ad esempio, il fatto che 21 dei 49 minerali elencati nella strategia indiana sui minerali critici si trovino in Australia ne fa un partner ideale per le esportazioni.