Loading icon Loading

I prezzi dell’alluminio a Shanghai sono saliti giovedì, sostenuti dall’esaurimento delle scorte e dall’aumento dei costi energetici, ma le prospettive di indebolimento della domanda hanno limitato i guadagni.

Norsk Hydro ha dichiarato mercoledì che chiuderà un impianto di produzione di alluminio in Slovacchia entro la fine di settembre, seguendo altre recenti fermate in Europa a causa degli alti prezzi dell’elettricità. La produzione di alluminio è il metallo di base a più alta intensità energetica.

Le scorte di alluminio LME sono scese a 276.875 tonnellate da 1,97 milioni di tonnellate nel marzo 2021. Le scorte di alluminio del ShFE si sono quasi dimezzate da marzo.

I controlli sull’energia elettrica in Cina, a causa di una forte ondata di calore, hanno anche scatenato preoccupazioni per l’approvvigionamento del metallo.

Il produttore di alluminio Henan Zhongfu Industrial 600595.SS ha chiuso la produzione in quanto la provincia di Sichuan ha ordinato agli utenti industriali di sospendere le attività per dare priorità alla fornitura di energia elettrica alle abitazioni. Anche la produzione di Chongqing è stata colpita, anche se in misura minima.

Ma un dollaro forte, che rende i metalli scambiati nella valuta statunitense più costosi per i possessori di altre valute, l’aumento dei tassi di interesse e la debolezza della domanda globale continuano a pesare sulle prospettive dei metalli industriali.

L’alluminio a tre mesi al London Metal Exchange CMAL3 è sceso dello 0,3% a 2.403,50 dollari la tonnellata, con un calo del 40% circa rispetto al massimo storico di marzo.