Loading icon Loading

Il rame e la maggior parte degli altri metalli di base hanno continuato a trovare sostegno nell’indebolimento del dollaro americano venerdì, tra le aspettative di un rallentamento della crescita dei posti di lavoro a luglio negli Stati Uniti, in vista di un rapporto sull’occupazione molto atteso in giornata.

I prezzi del rame hanno registrato una perdita di tre giorni all’inizio della settimana a causa della debolezza dei dati di fabbrica globali e dell’inasprimento delle tensioni tra Stati Uniti e Cina in seguito alla visita del presidente della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi a Taiwan.

Il recente rimbalzo è stato attribuito principalmente agli acquisti tecnici e all’indebolimento del dollaro a causa dei segnali di ammorbidimento del mercato del lavoro. Un dollaro più debole si traduce in costi più bassi per gli acquirenti di materie prime che utilizzano altre valute.

Il rame ha registrato un rimbalzo tecnico da metà luglio 2022 dai minimi in area 6.950 $/ton, tornando a quota 7.950 $/ton (+14,38%). Si attende una potenziale prosecuzione dell’attuale risalita dei prezzi verso il target di breve in zona 8.500 $/ton.

L’alluminio si mantiene in una fase di consolidamento sui minimi di periodo, in area 2400 $/ton. Non si escludono potenziali recuperi successivi verso zona 2.500 $/ton e 2.600 $/ton.

 

Dopo l’ottima performance registrata il 4 agosto (+5% in giornata), lo zinco si mantiene proiettato nel breve termine verso i target in zona 3.600 $/ton e 3.700 $/ton.

Resta sintonizzato con Commodity Evolution per ottenere aggiornamenti fondamentali sul mercato industriale.

Se non sei abbonato e vuoi usufruire in pieno dello potenzialità della piattaforma puoi richiedere una prova gratuita dei nostri servizi per 2 settimane Prova Gratuita oppure contattaci per ricevere maggiori informazioni Contattaci