Loading icon Loading

I prezzi del carbone termico di Newcastle dovrebbero rimanere bassi nella seconda metà di giugno e nel mese di luglio, poiché gli sconti offerti per il carbone di altre origini continuano ad attirare gli acquirenti asiatici lontano dal carbone australiano.

Gli acquirenti asiatici, che si sono tenuti lontani dal carbone australiano dopo l’impennata dei prezzi in seguito all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, starebbero continuando ad acquistare più carbone dalla Russia, grazie agli sconti offerti, e dall’Indonesia.

Il prezzo del carbone NAR di Newcastle da 5.500 kcal/kg con il 23% di ceneri è stato valutato a 178 $/ton FOB il 14 giugno, in calo dell’11% rispetto al 31 maggio e in netto calo rispetto ai quasi 300 $/ton della prima metà di marzo.

Si tratta di un periodo prolungato in cui gli acquirenti asiatici sono rimasti lontani dal carbone australiano di questa qualità [5.500 kcal/kg NAR]. Questa qualità è utilizzata per la miscelazione e Giappone, Corea del Sud e Taiwan non sono comunque grandi utilizzatori di questa qualità. Anche l’India non lo acquistava per la miscelazione.

I prezzi del carbone australiano hanno subito un’impennata all’inizio dell’anno, dopo che l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha spinto gli utenti a sostituire le fonti energetiche russe. All’epoca, i Paesi dell’UE e il Giappone si erano impegnati a smettere di importare il carbone russo, aumentando così la domanda di carbone australiano.

Di conseguenza, il prezzo NAR di Newcastle 5.500 kcal/kg è passato da 157,05 $/ton FOB il 23 febbraio, un giorno prima dell’invasione, a 297 $/ton l’11 marzo. Da allora i prezzi hanno raggiunto una media di 206,40 $/ton fino al 14 giugno.

Fonti di mercato hanno affermato che, dato che gli acquirenti asiatici non sono ancora interessati ad acquistare il carbone australiano ad alto tenore di ceneri, i prezzi sono più a rischio di ribasso a causa della disponibilità di carbone russo.

Secondo le fonti, gli acquirenti di India, Thailandia, Vietnam e Corea del Sud stanno acquistando carbone russo e si prevede un aumento delle importazioni. L’ufficio del capo economista australiano, nell’ultimo rapporto trimestrale sulle risorse e l’energia pubblicato a marzo, ha dichiarato che la produzione nazionale di carbone termico dovrà affrontare delle sfide nel 2022, con le inondazioni che interromperanno le miniere del Nuovo Galles del Sud e del Queensland a causa di un evento meteorologico La Nina nella prima metà dell’anno.