Loading icon Loading

Secondo la a Malaysian Estate Owners’ Association (MEOA), la Malesia sta perdendo un’occasione d’oro per capitalizzare i prezzi elevati dell’olio di palma e potrebbe subire ulteriori perdite di produzione a causa di una “grave” carenza di circa 120.000 lavoratori.

Il secondo produttore mondiale di olio di palma sta lottando a causa di una carenza di manodopera aggravata dalle restrizioni all’immigrazione legate alla pandemia. I lavoratori stranieri, per lo più provenienti dall’Indonesia, costituiscono di solito circa l’80% della forza lavoro nelle tenute malesi, che all’inizio della pandemia era di circa 437.000 unità.

I prezzi dell’olio di palma hanno raggiunto livelli record quest’anno a causa della carenza di manodopera, dei limiti alle esportazioni del principale produttore Indonesia e della guerra Russia-Ucraina, ma i produttori malesi non sono in grado di trarne vantaggio.

La triste realtà è che la Malesia sta perdendo l’opportunità d’oro che le è stata presentata su un piatto d’argento, poiché non è in grado di raccogliere i grappoli di palma da olio nei turni di raccolta appropriati, a fronte dell’attuale forza lavoro limitata.

A settembre, la Malesia ha approvato il reclutamento di 32.000 lavoratori migranti per le piantagioni di palma, ma la manodopera straniera non è ancora entrata nel Paese a causa di ritardi nei permessi.

Il gruppo ha affermato che le proiezioni dell’industria per la produzione del 2022, pari a 18,6 milioni di tonnellate, potrebbero ridursi ulteriormente se la manodopera non dovesse arrivare immediatamente.

La scorsa settimana, l’agenzia statale Malaysian Palm Oil Council (MPOC) ha abbassato le previsioni di produzione a 18,6 milioni di tonnellate per l’anno in corso, rispetto alla precedente stima di 18,9 milioni di tonnellate.