Loading icon Loading

Il mercato siderurgico cinese, caratterizzato da un’offerta eccessiva, potrebbe presto trovare un po’ di sollievo, poiché si prevede che la tendenza al ribasso della domanda si esaurisca nel breve termine.

La produzione giornaliera di ghisa in Cina ha raggiunto un livello record in aprile, in un momento in cui il mercato ha dovuto far fronte a una domanda tiepida, mantenendo i mercati dell’acciaio sotto pressione.

Sebbene sia improbabile che l’eccesso di offerta nel mercato siderurgico cinese si attenui almeno per questo mese, alcune fonti del settore sono diventate ottimiste sulle prospettive della domanda, prevedendo che il calo si esaurisca nel breve termine.

Il miglioramento delle prospettive della domanda dovrebbe derivare soprattutto dall’ultima mossa della Cina, che ha ridotto i tassi di interesse sui mutui immobiliari di 0,2 punti per gli acquirenti della prima casa il 15 maggio, indicando che il Paese è passato dalla riduzione della leva finanziaria al sostegno del settore immobiliare.

Anche se questa mossa non invertirà la tendenza al ribasso delle vendite di immobili o dell’avvio di nuove abitazioni nel breve periodo, segnala l’introduzione di politiche più favorevoli per prevenire l’insolvenza incontrollata da parte dei costruttori in difficoltà di cassa, il che alleggerirà l’ulteriore compressione della domanda di acciaio.

E soprattutto, le misure per affrontare la situazione della pandemia cominceranno presto a dare i loro risultati, portando a una circolazione logistica più fluida all’interno del Paese.

Le restrizioni sociali e le chiusure in Cina causate dalla pandemia sono state le principali cause del crollo dei dati economici di aprile e hanno ostacolato le misure di stimolo nei settori delle infrastrutture, immobiliare e manifatturiero.

Alcune fonti di mercato ritengono che non appena la logistica e i viaggi torneranno alla normalità, la politica fiscale e monetaria della Cina contribuirà ad accelerare gli investimenti nelle infrastrutture e la produzione manifatturiera.

Anche il consumo di beni al dettaglio in Cina migliorerà di pari passo, favorendo così la ripresa della domanda di acciaio nel settore manifatturiero. La produzione cinese di ghisa ad aprile ha raggiunto i 76,78 milioni di tonnellate, con una media di 2,55 milioni di tonnellate al giorno, in aumento del 10,80% rispetto al mese.

Il dato di aprile è rimasto invariato su base annua, in quanto l’NBS ha rivisto la produzione di ghisa di aprile 2021 da 75,97 milioni di tonnellate a 76,78 milioni di tonnellate.

La produzione cinese di acciaio grezzo ad aprile è stata ancora inferiore del 5,20% rispetto all’anno, con 92,78 milioni di tonnellate, ma la produzione giornaliera è aumentata dell’8,60% rispetto al mese, raggiungendo i 3,09 milioni di tonnellate e superando il livello di 3 milioni di tonnellate per la prima volta dal luglio 2021.

Secondo i dati della NBS, la produzione cinese di ghisa e acciaio grezzo nei primi quattro mesi è stata pari a 280,30 milioni di tonnellate e 336,15 milioni di tonnellate, con un calo rispettivamente del 9,40% e del 10,30% rispetto all’anno precedente.

Alcune fonti di mercato si aspettavano che la produzione cinese di ghisa e acciaio grezzo a maggio si possa attestare sui livelli simili a quelli di aprile. Le acciaierie cinesi con forno elettrico ad arco, o EAC, hanno ridotto la produzione di acciaio a causa delle condizioni di mercato in perdita. Tuttavia, le riduzioni della produzione sono state appena segnalate dalle acciaierie integrate che utilizzano un altoforno e un convertitore, in quanto hanno continuato a registrare profitti esigui o solo perdite marginali.

Poiché la sospensione e il riavvio degli altiforni sono costosi, le perdite marginali non spingono le acciaierie a tagliare la produzione di ghisa e acciaio grezzo. La ripresa cinese da casi di COVID-19 ad aprile ha esacerbato il rallentamento del settore immobiliare, con effetti negativi sulla domanda complessiva di acciaio più che sulla produzione.

Il valore delle vendite immobiliari in Cina, oggi uno dei principali canali di finanziamento della costruzione di immobili, è sceso del 38,80% su base annua ad aprile, in ulteriore calo rispetto al calo del 17,70% su base annua di marzo.

Anche il calo su base annua degli investimenti immobiliari è peggiorato, passando dal 22,20% di marzo al 44,20% di aprile. Gli investimenti infrastrutturali cinesi sono aumentati del 3% su base annua ad aprile, ma il ritmo è rallentato rispetto alla crescita dell’8,80% su base annua di marzo.

Anche i principali consumatori di acciaio nel settore manifatturiero hanno registrato un calo su base annua ad aprile, con la produzione di veicoli in calo del 43,50% su base annua.

Tuttavia, il 16 maggio Shanghai ha reso noto la revoca delle chiusure iniziate a fine marzo, indicando che la città e l’intero Paese potrebbero presto tornare gradualmente alla normalità, il che difficilmente influirà ulteriormente sulle attività edilizie e manifatturiere.