Loading icon Loading

Il governo britannico ha imposto delle sanzioni alla compagnia mineraria e siderurgica russa Evraz a causa delle sue operazioni in settori di importanza strategica per il governo della Russia.

In una dichiarazione del governo britannico del 5 maggio, le operazioni principali di Evraz sono in Russia e produce il 28% di tutte le ruote ferroviarie russe e il 97% dei binari ferroviari del paese, che erano “di importanza vitale in quanto la Russia utilizza la ferrovia per spostare forniture militari chiave e le truppe al fronte in Ucraina.

Insieme alle misure esistenti, questa azione scoraggerà ulteriormente le aziende che operano in settori strategici in Russia e il congelamento dei beni sta ad indicare che nessun cittadino o azienda britannica potrà fare affari con Evraz.

Queste sanzioni contribuiranno ad intaccare ulteriormente le riserve finanziarie e l’economia di Putin e sosterranno la continua resistenza dell’Ucraina.

I prezzi dell’acciaio sono stati spinti al rialzo dalla riduzione dell’offerta dalla Russia a causa delle sanzioni, con il coil laminato a caldo europeo che si attesta in area 1.199 euro/ton il 5 maggio, in crescita del 33% dall’inizio del 2022.

Il Regno Unito ha deciso il 10 marzo di congelare i beni britannici di alcuni oligarchi russi, tra cui Abramovich, azionista di Evraz, e ha proibito loro di entrare nel paese e di fare affari con cittadini e aziende britanniche.

L’11 marzo, tutti i direttori non esecutivi di Evraz (Alexander Abramov, Alexander Frolov, Alexander Izosimov, Deborah Gudgeon, Eugene Shvidler, Eugene Tenenbaum, Karl Gruber, Maria Gordon, Sir Michael Peat e Stephen Odell) si sono dimessi.

In difesa Evraz ha negato di essere stata coinvolta nella fornitura di servizi, fondi, risorse, beni o tecnologia per destabilizzare l’Ucraina e di non aver fornito acciaio all’esercito russo, che potrebbe essere stato utilizzato nella produzione di carri armati. Evraz vende acciaio solo ai settori delle infrastrutture e delle costruzioni.

Il 6 aprile, la Trade Remedies Authority del Regno Unito ha avviato una revisione delle importazioni di acciaio da Russia e Bielorussia per valutare se i contingenti tariffari per i due paesi dovrebbero essere riassegnati per evitare una potenziale carenza di acciaio.

La Trade Remedies Authority ha riferito che a causa delle sanzioni imposte su alcune importazioni da Russia e Bielorussia, gli esportatori potrebbero non essere in grado di soddisfare i loro contingenti e riassegnarli ad altri paesi potrebbe aiutare a garantire una fornitura regolare di acciaio necessario per la costruzione, l’ingegneria e le industrie automobilistiche.