Le sanzioni statunitensi contro l’industria bielorussa del potassio, che hanno contribuito a spingere i prezzi dei fertilizzanti a livelli record, potrebbero spingere maggiormente il presidente Alexander Lukashenko nelle braccia della Russia.

Mentre Lukashenko non ha ancora chiesto supporto alla Russia, il Cremlino si aspetta che il leader bielorusso si avvicini per chiedere aiuto per i deficit di bilancio causati dal divieto delle vendite di potassio.

Il potassio è l’unica risorsa naturale abbondante in Bielorussia e le vendite internazionali rappresentano più del 7% del reddito da esportazione del paese. Dopo che gli Stati Uniti hanno sanzionato il produttore statale di potassio Belaruskali OAO, la scorsa settimana la Lituania ha riferito che avrebbe fermato le spedizioni del fertilizzante dal 1 febbraio, chiudendo una rotta utilizzata per quasi tutte le sue esportazioni.

La Bielorussia controlla circa un quinto del mercato globale del potassio, insieme ad altri importanti produttori tra cui Russia e Canada.

Mentre i prezzi di riferimento dei fertilizzanti in molte regioni, come Cina e India, derivano da accordi annuali tra produttori e acquirenti, ci sono vendite spot in altri mercati chiave come il Brasile.

Il leader bielorusso ha affrontato la crescente pressione degli Stati Uniti e dell’Unione europea per la sua brutale repressione delle proteste diffuse dopo le contestate elezioni presidenziali del 2020. Putin è rimasto al fianco del suo alleato e ha cercato di capitalizzare la crisi premendo Lukashenko per accelerare l’integrazione economica e politica tra Russia e Bielorussia, che sono in un cosiddetto Stato dell’Unione.

Le sanzioni statunitensi contro Belaruskali sono entrate in vigore l’8 dicembre. Queste sanzioni sono un altro argomento per Lukashenko per ricevere supporto, benefici e denaro dalla Russia.

Le sanzioni iniziano a pungere proprio mentre la Bielorussia e la Russia tengono esercitazioni militari congiunte al confine con i paesi dell’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico il mese prossimo, tra le crescenti tensioni con l’Occidente sull’Ucraina. Gli Stati Uniti e l’Europa dicono che un massiccio accumulo di forze russe vicino al confine con l’Ucraina può essere la preparazione per un’invasione, cosa che il Cremlino nega.

“La Bielorussia è il nostro partner. Non lo abbandoniamo e non lo abbandoneremo”, ha detto il portavoce di Putin Dmitry Peskov ai giornalisti la scorsa settimana, in risposta a una domanda sulla decisione della Lituania di fermare il transito di potassio.

La Bielorussia probabilmente cercherà di battere le sanzioni reindirizzando le vendite di potassio attraverso la Russia come unico canale possibile per le esportazioni. La Russia può offrire di comprare forniture a prezzi inferiori a quelli di mercato e rivenderle come potassio russo o consumare potassio bielorusso sul suo mercato mentre esporta più della propria produzione.