La causa scatenante dell’ultimo rialzo è stata la notizia del colpo di stato militare avvenuto nel fine settimana in Guinea, uno dei maggiori produttori di bauxite, che viene trasformata in allumina e poi in alluminio primario.

Il mercato dell’alluminio normalmente non presta molta attenzione alle interruzioni alla fine della catena di approvvigionamento della bauxite. Si tratta, dopo tutto, dell’elemento metallico più comune, che rappresenta circa l’8% della crosta terrestre, e le perdite di produzione sono state storicamente compensate rapidamente.

Nessuno si aspetta che questa volta sia diverso, anche supponendo che i leader militari golpisti fossero disposti a mettere a rischio una delle principali fonti di entrate estere del paese.

Tuttavia, lo sconvolgimento politico in Guinea coglie la catena delle materie prime di alluminio in un momento vulnerabile, con i prezzi dell’allumina già in aumento a causa dei problemi di raffineria in Brasile e Giamaica.

Nell’ultimo decennio la Guinea è emersa come uno dei maggiori produttori di bauxite al mondo. La nazione dell’Africa occidentale ha prodotto l’anno scorso 78 milioni di tonnellate di bauxite, pari a circa il 22% della produzione globale.

Con una sola raffineria di allumina nazionale, la sua importanza nel mercato di terzi è più netta e il paese è uno dei principali fornitori delle raffinerie in Europa, Nord America e soprattutto Cina.

Le importazioni di bauxite della Cina sono cresciute fortemente negli ultimi anni a causa del deterioramento della quantità e della qualità delle riserve nazionali di bauxite. Le importazioni di bauxite hanno totalizzato 30 milioni di tonnellate nel 2010. L’anno scorso hanno raggiunto 112 milioni di tonnellate, di cui il 47% proveniente dalla Guinea.

Fortunatamente per le raffinerie cinesi che dipendono dalle importazioni, l’impatto diretto del colpo di stato a Conakry sulle regioni di estrazione della bauxite sembra essere finora attenuato. Le raffinerie cinesi sono anche molto ben rifornite con una stima di circa 50 milioni di tonnellate di materiale in riserva, che rappresentano quasi la metà delle importazioni annuali.

Hanno beneficiato di un periodo di prezzi bassi con il mercato globale paralizzato da tonnellate in eccesso dal 2019. Ironicamente, quel surplus è stato in gran parte dovuto alla produzione guineana in rapida crescita.

La preoccupazione per le forniture di bauxite dalla Guinea si è aggiunta ai problemi esistenti sul fronte dell’offerta di allumina dopo due interruzioni della produzione che hanno avuto un impatto sul mercato atlantico.

La raffineria brasiliana Alumar, con una capacità di 3,5 milioni di tonnellate all’anno di allumina, ha ridotto la produzione di circa un terzo a luglio dopo i danni a un ormeggio di scarico.

Poi il mese scorso è arrivata la notizia di un incendio alla raffineria Jamalco in Giamaica, un impianto da 1,4 milioni di tonnellate di proprietà del governo e del Noble Group. I danni sono ancora in fase di valutazione e l’impianto è fuori uso.

I problemi nel mercato dell’allumina arrivano proprio mentre l’appetito della Cina per le importazioni sembra aumentare, forse riflettendo gli effetti a catena dell’inondazione di un impianto Chinalco nella provincia di Henan in luglio.

Le importazioni di allumina sono salite a 527.000 tonnellate a luglio, il risultato mensile più alto dal dicembre 2015.

Quest’anno la Cina ha visto un numero crescente di fonderie a cui è stato ordinato di ridurre la produzione mentre le province cercano di raggiungere gli obiettivi di efficienza energetica, lo strumento politico chiave della Cina per raggiungere il picco delle emissioni entro il 2030.

Questo sta limitando la produzione del paese al punto che ora sta importando quantità significative di metallo primario per alimentare il suo settore dei prodotti interni.

Un’interruzione significativa della bauxite della Guinea sembra altamente improbabile, ma si inserisce in una narrativa di crescita dell’offerta limitata in cui qualsiasi interruzione assume un significato aggiunto per l’equilibrio del mercato.

Il rame è stato storicamente il metallo più sensibile alle interruzioni di produzione, perché raramente ha generato un cuscinetto di scorte sufficiente a mitigare l’interruzione imprevista dell’offerta. Questo non è mai stato un problema per l’alluminio, un metallo caratterizzato da scorte alte negli ultimi 10 anni.

Le cose, tuttavia, potrebbero cambiare, a giudicare dal modo in cui ha reagito alla notizia di una potenziale interruzione nelle miniere di bauxite della Guinea.


Apri la chat