I prezzi del minerale di ferro si orientano al ribasso mentre il mercato ha soppesato una prossima ripresa stagionale della domanda cinese contro la prospettiva di un ampio indebolimento dell’economia e di ulteriori restrizioni alla produzione di acciaio.

Ii prezzo aveva riguadagnato terreno dopo il crollo di luglio, con l’imminente stagione autunnale delle costruzioni in Cina che suggerisce una maggiore domanda.

L’attività economica cinese si è indebolita più del previsto nel mese di agosto, poiché un’epidemia della variante del virus delta ha frenato la spesa dei consumatori.

Il minerale di ferro affronta anche venti contrari, dato che la Cina vuole tenere a freno la produzione, e ci si aspetta che le restrizioni alla produzione per ridurre le emissioni si intensifichino nel quarto trimestre.

Anche se la domanda stagionale dovrebbe emergere presto è difficile cambiare l’outlook debole per il medio e lungo termine, data la guida generale alla riduzione della produzione di acciaio grezzo.

All’inizio di questa settimana, Baoshan Iron & Steel Co, il più grande produttore cinese, ha segnalato il potenziale per un nuovo calo dei prezzi del minerale di ferro. “Ci aspettiamo che le riduzioni dell’acciaio cinese siano mirate nel quarto trimestre, quando la domanda rallenta stagionalmente e l’inquinamento atmosferico è in primo piano (soprattutto in vista delle Olimpiadi invernali del febbraio 2022) e di conseguenza ci aspettiamo che i prezzi si stabilizzino in settembre/ottobre prima di continuare a scendere sotto i 100 dollari/tonnellata nel 2022“.


Apri la chat