Il sindacato dei lavoratori della miniera di rame Cerro Colorado di BHP in Cile ha invitato i suoi membri a rifiutare un’offerta contrattuale finale da parte della società, aprendo la strada a uno sciopero nel piccolo deposito.

Le tensioni sindacali arrivano poco dopo che un tribunale ha ordinato alla miniera di cessare il pompaggio da un serbatoio che la rifornisce di acqua dolce, citando preoccupazioni ambientali e rallentando i progressi su un progetto chiave di manutenzione della miniera.

Il leader del sindacato Marcelo Franco ha riferito che BHP ha usato i problemi normativi che deve affrontare come una scusa per proporre un contratto inadeguato ai lavoratori.

“Stiamo chiamando a votare per uno sciopero”, ha riferito Franco.

Se il sindacato rifiuta il contratto, la legge cilena permette alle parti di richiedere una mediazione guidata dal governo per un massimo di 10 giorni, nel tentativo di raggiungere un accordo e scongiurare uno sciopero.

Il minatore globale ha recentemente trovato un accordo con i lavoratori della sua massiccia miniera Escondida che ha portato a benefici da record, un risultato che probabilmente alzerà la barra a Cerro Colorado e altrove nel primo produttore mondiale di rame Cile.

Cerro Colorado, una piccola miniera nel portafoglio cileno di BHP, ha prodotto circa l’1,2% della produzione totale di rame della nazione sudamericana nel 2020.


Apri la chat