BHP Group ha riferito giovedì che ha firmato un accordo di fornitura di nichel con Tesla e lavorerà con la casa automobilistica elettrica per abbassare le emissioni di carbonio nella catena di approvvigionamento delle batterie.

Il CEO di Tesla, Elon Musk, ha esortato i minatori a produrre più nichel, con una domanda destinata a salire alle stelle man mano che il mondo si sposta sempre più verso i veicoli elettrici.

L’azienda ha detto a giugno che si aspetta di spendere più di 1 miliardo di dollari all’anno per le materie prime delle batterie dall’Australia, data l’affidabilità dell’industria mineraria del paese e le pratiche di produzione responsabili.

“L’Australia ha i minerali per alimentare l’era delle energie rinnovabili in tutto il mondo nei prossimi anni”, ha detto il presidente di Tesla Robyn Denholm in un recente discorso durante un evento del Minerals Council of Australia.

Le case automobilistiche occidentali stanno anche cercando di diversificare le catene di approvvigionamento per diminuire la loro dipendenza dalla Cina, in linea con una politica dell’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden di affidarsi agli alleati per fornire la maggior parte dei metalli per i veicoli elettrici.

Il nichel rende le batterie dense di energia, permettendo alle auto di andare oltre con una singola carica. Le auto elettriche possono contenere fino a 40 kg di nichel nelle loro batterie.

Si stima che la domanda di nichel nelle batterie crescerà di oltre il 500% nel prossimo decennio, in gran parte per sostenere la crescente domanda mondiale di veicoli elettrici.

BHP ha riferito che il metallo sarà fornito dal suo progetto Nickel West in Australia occidentale che è impostato per iniziare a produrre solfato di nichel nel trimestre di settembre.

La società non ha rivelato i dettagli sulla dimensione dell’accordo con Tesla ma si stima che potrebbe essere per un massimo di 18.000 tonnellate di nichel all’anno.

L’accordo arriva mentre il più grande minatore del mondo sta rivedendo la sua attività petrolifera e considerando le opzioni per ridurre le proprie emissioni di oltre il 20% entro il 2030.

BHP e Tesla guarderanno anche la tracciabilità delle materie prime utilizzando la blockchain, e lavoreranno su soluzioni di stoccaggio di energia.


Apri la chat